Al porto di Genova: la sicurezza è un lusso!

Al porto di Genova: la sicurezza è un lusso!

In primo luogo esprimiamo la nostra solidarietà ai familiari delle Vittime
della tragedia del porto di Genova dove hanno perso la vita nove lavoratori

Navigare in sicurezza ha un prezzo, ma il diritto alla vita, alla sicurezza ed
alla salute non ha prezzo. Limitare o, addirittura, azzerare la sicurezza fa
risparmiare proprietari, armatori, manager … nei porti, nel trasporto
marittimo, aereo, ferroviario, ecc. Per questi signori è una “scelta di vita”
perpetrata sulla pelle di lavoratori, viaggiatori, cittadini.
A Viareggio, nella stazione ferroviaria, il 29 giugno 2009 è accaduto un
disastro che ha provocato una strage con 32 Vittime e numerosi feriti dei quali
alcuni gravissimi. L’ennesima aberrante e criminale logica: risparmiare sulla
sicurezza tanto da trasformare i bilanci … rossi di sangue. Le tragedie di
Viareggio e Genova sono figlie di questa logica!

Ad ogni tragedia assistiamo alle solite chiacchiere e a stantie lacrime di
coccodrillo.
Dobbiamo denunciare questo ridicolo e provocatorio teatrino, ed allo stesso
tempo denunciare la gravità della situazione e le mancanze per garantire
sicurezza e salute.
Consapevoli del fatto che anche denunce forti, determinate e circostanziate,
non risolvono il problema, nel migliore dei casi possono attenuarne la
gravita.
Se il vero problema è il profitto di pochi a danno di molti, dobbiamo
affrontare responsabilmente il problema. Dobbiamo andare alla radice del
problema con la lotta ed una mobilitazione che sacrifichi i profitti e
valorizzi il diritto alla vita ed alla sicurezza. Non è accettabile, non è
sostenibile, non è umano, continuare a sacrificare la sicurezza di lavoratori e
cittadini in nome del profitto, del mercato, della competitività, della
produttività.

Ad ogni tragedia di mare la memoria corre velocemente a quella del traghetto
“Moby Prince” del 10 aprile 1991, quando persero la vita 140 tra
lavoratori/trici e viaggiatori. Dopo 20 anni il processo di quella immane
tragedia si è concluso con la prescrizione: 140 morti, zero colpevoli (!). Noi
chiediamo, assieme ai familiari delle Vittime del Moby, la riapertura del
processo perché il dolore dei familiari delle Vittime e le responsabilità delle
140 Vittime non possono, non debbono mai, cadere in prescrizione!

Martedì scorso la tragedia nel porto di Genova, poco più di un anno fa quella
della ‘Costa Concordia’ con 32 Vittime. Senza mai dimenticare la strage operaia
di 26 anni fa, 13 marzo 1987, al cantiere navale ‘Mecnavi’ di Ravenna, dove
morirono asfissiati 13 operai a causa di un incendio nelle stive della nave
“Elisabetta Montanari”, adibita al trasporto di Gpl.

C’è ancora chi crede che queste tragedie del mare o, meglio, che queste stragi
possano essere derubricare a disgrazie, fatalità, errore umano o addirittura
prescritte e cancellate ?!

Viareggio, 13 maggio 2013

– Associazione familiari “Il Mondo che vorrei”
danielarombi6@gmail.com
– Assemblea 29 giugno
assemblea29giugno@gmail.com
– Medicina democratica – sez. Viareggio

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in NEWS. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...