comunicato stampa su FORTGLAS Sas di Trento

La FORTGLAS Sas, nota ditta di produzione dei vetri speciali situata a Trento Sud, lo scorso 6 novembre 2012 ha posto tutto il proprio personale in cassa integrazione, cedendo l’attività ad altra società di Bolzano, la GLAS VETRI alla cui guida è stato posto il manager Stefan GASSLITTER.

Parte del personale di FORTGLAS è stato riassunto nei mesi scorsi in GLAS VETRI, escluso tutto quello iscritto a SBM, altresì discriminato in merito agli acconti sulle retribuzioni arretrate e non pagate.

Tra il mese di gennaio ed il febbraio 2013, SBM ed i sei degli operai cassintegrati, accompagnati da loro amici e familiari, hanno inscenato una serie di proteste anche eclatanti, davanti la fabbrica. A seguito delle ripetute manifestazioni sindacali organizzate da SBM e SLAI/COBAS, il manager Stefan GASSLITTER era costretto a cedere e pagare l’anticipo anche agli operai iscritti al sindacato di base, ma provvedeva a denunciare tutti per vari reati: dalla violenza privata alla diffamazione, all’uso di petardi e fumogeni alla manifestazione non autorizzata…

Ora gli operai ed il sindacato SBM, in persona del suo legale rappresentante, hanno presentato denuncia-querela avanti la Procura della Repubblica di Trento contro il manager Stefan GASSLITTER per vari reati contro la persona (ingiuria, diffamazione, anche a mezzo stampa), ma soprattutto per verificare se sussistono i presupposti affinché l’imprenditore possa essere perseguito per i reati stabiliti dalla cd. legge Mancino (contro la discriminazione razziale, ecc.). Lo stesso aveva dichiarato che i lavoratori cassintegrati iscritti a SBM non avevano ricevuto l’acconto dello stipendio perché non ne avevano diritto e per di più “sono tutti stranieri”.

Altra tegola sulla testa della FORTGLAS di Trento è caduta in questi giorni. Il giudice del lavoro del Tribunale di Trento ha condannato la ditta di produzione dei vetri speciali a retribuire il lavoro straordinario ed a risarcire il danno da dimissioni per giusta causa ad un suo ex dipendente con la qualifica di autista (anch’egli iscritto a SBM). Migliaia di euro, gravati di rivalutazione, interessi e spese legali (sentenza n. 89/13).

Gli avvocati di SBM stanno predisponendo altri ricorsi in favore degli operai cassintegrati per far valutare al giudice del lavoro competente la possibilità di reintegrare i lavoratori medesimi nel posto di lavoro della GLAS VETRI in quanto subentrata in toto alla FORTGLAS nell’area produttiva di Trento sud. Infatti la società guidata dal manager Stefan GASSLITTER sta effettuando in questi giorni assunzioni di manodopera al di fuori della lista dei cassintegrati della ditta FORTGLAS, così continuando la discriminazione nei riguardi degli iscritti SBM.

Sono in preparazione nuove manifestazioni di protesta davanti alla fabbrica, organizzate da SBM e SLAI COBAS.

SINDACATO DI BASE MULTICATEGORIALE
TRENTO

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...