LA MALGARA NON VERSA SU LABORFONDS

comunicato stampa
image
LA MALGARA NON VERSA SU LABORFONDS
La Malgara Chiari e Forti di Avio è ancora una volta in primo piano per le spettanze non versate ai propri dipendenti. Questa volta si tratta dei versamenti sul fondo Laborfonds. Il problema che sta suscitando sempre più preoccupazione tra i lavoratori riguarda una sessantina di loro su un totale di 143. Dal secondo trimestre 2010 l’azienda non provvede ai versamenti se si esclude un solo versamento trimestrale peraltro non riconosciuto dal fondo pensioni per palesi irregolarità. Se si considera che un singolo versamento trimestrale si aggiri intorno ai 40.000 euro si ha un’idea abbastanza precisa di quanto la Malgara Chiara e Forti risulti debitrice nei confronti di Laborfond. L’aspetto di particolare gravità risulta consistere nel dato per cui comunque, puntualmente, l’azienda comunque trattiene in busta paga ai lavoratori l’intero ammontare della cifra per il Laborfond. Non solo dunque insolvente nei confronti del fondo, ma anche protagonista di un’indebita appropriazione dei versamenti dei lavoratori. Dicevamo che i lavoratori sono preoccupati, infatti, vista la montagna di spettanze loro dovute, quella relativa ai mancati versamenti per la pensione integrativa si carica di un alone di pesante incertezza. Se vogliamo, risulta ancora più grave il fatto che né Laborfonds né l’organismo di vigilanza del fondo ai sensi del D.lgs 231/01, né tantomeno le istituzioni locali attraverso il Centro Pensplan, abbiano sino ad oggi fatto valere le loro indiscutibili prerogative (si pensi solo all’art.8 c8 dello Statuto del fondo) sulla Malgara Chiari e Forti al fine di imporre a tale azienda associata un comportamento giuridicamente ed eticamente corretto. Piuttosto si è preferito scaricare ancora una volta sui lavoratori ed invece di esigere il pagamento dei crediti si preferisce lasciarli nell’incertezza e nella preoccupazione. Ci chiediamo se la tenerezza con cui il comportamento della Malgara è stato sino ad oggi accolto da Laborfonds non sia dovuta al patto tra padroni, sindacati confederali ed istituzioni locali su cui si regge lo stesso fondo, evidentemente con soddisfazione reciproca per tali stessi soggetti. Patto che pare portare Laborfond a tutelare in primo luogo gli interessi persino illegittimi delle aziende. Il tutto a dimostrazione del fatto che i processi di privatizzazione delle pensioni hanno aperto la strada non solo alla loro drastica diminuzione, ma anche all’inserimento dei fondi integrativi nei circuiti del capitale finanziario dove, questa volta con il protagonismo anche dei sindacati confederali, cessa per definizione ogni trasparenza e dove i lavoratori ci rimettono sempre, derubati più volte delle proprie sempre più magre entrate.
Massimo Barletta RSU Slai Cobas Malgara
Sebastiano Pira resp. prov.le Slai Cobas Trentino

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...