Volantino diffuso dal Cobas alle ex Officine Aeronavali di Tessera

http://www.slaicobasmarghera.org/Aeronavali1.pdf
LAVORATORI DELLE EX OFFICINE AERONAVALI

in questa situazione generale di attacco padronale e governativo ai diritti acquisiti dai
lavoratori e dalle masse popolari, la nostra situazione specifica, alla luce degli accordi, referendum interno, scorpori, ridefinizioni organizzative ed aziendali, e da ultimo, del NPR nuovo premio di
risultato, ha delle caratteristiche specifiche che intendiamo analizzare pubblicamente, poiché secondo
noi non coincidono con il nostro interesse generale e specificità di noi lavoratori.
A Tessera la oramai delineata chiusura di Alenia Aermacchi con il passaggio a
SuperJetInternational ed AgustaWesland di –quasi tutto- il personale, conferma la scelta strategica e
politica della borghesia al potere, ossia della concertazione di poteri ed interessi anche di altre
componenti della economia del cosiddetto “nord-est”, (che dietro le false diatribe e lotte intestine,
comunque agglutinano capitale finanziario, grandi gruppi industriali, capitale speculativo, classe
politica e sindacati della concertazione) di colpire il polo industriale di Porto Marghera,
riducendolo a discarica del supersfruttamento della logistica, con conseguenze enormi anche sul
piano politico e dei rapporti di forza tra le classi nell’intero nord-est. A DISCAPITO ED A SPESE
ESCLUSIVAMENTE DEI LAVORATORI E DELLA CLASSE OPERAIA.
Detto per inciso, non vorremmo che qualche lavoratore si facesse ingannare dalle ingannevoli
notizie di paventati “sviluppi economici” dovuti alle due mega-Torri che qualcuno vorrebbe erigere a
Marghera, a danno dell’intera popolazione del territorio veneziano. Crediamo in uno sviluppo concreto
e terreno, non “astrale”, ossia legato all’esperienza ed alle conoscenze. Venezia ha una profonda storia
nelle costruzioni aeronavali, che viene sacrificata da decisioni prese fuori da Venezia, anche nel nostro
caso. Il NPR, prospettandoci premi di produzione legati a produttività di fatto non comprensibili in una
situazione generale di assoluto dubbio sulla produzione a venire sul medio-lungo periodo, quale è la
nostra attuale situazione, rischia di portarci fuori, lontano dall’analisi del contesto, di dividerci, di
rompere l’unità tra noi lavoratori in difesa del posto di lavoro e della nostra stessa dignità e vita sociale.
Non a caso sono ben pochi i nostri colleghi che hanno accettato i premi per trasferirsi in altre unità
produttive. La nostra età media, la nostra vita, la nostra realtà familiare e sociale sono assai lontane
dalla possibilità di andare a lavorare a 500 o 1000 km di distanza da Venezia.
Alenia Aermacchi è il prodotto di una profonda ed articolata ristrutturazione che è giunta
dopo l’acquisizione della realtà delle Officine Aeronavali all’interno del gruppo Alenia Aeronavali, che
poi con i passaggi successivi, ha portato all’attuale situazione ed alla nostra divisione in tre diverse
società. In pratica, la nostra produzione aziendale a Tessera non è sostanzialmente cambiata di molto,
ma è stata alla fin fine strappato al territorio cui apparteniamo e nel quale viviamo, in una logica di
interessi in perfetto stile multinazionale, che nulla ha a che spartire con gli interessi generali dei
lavoratori, con lo sviluppo economico del Paese, con un Piano industriale che veda le risorse e le
aspettative delle varie realtà, soddisfatte anche nella continuità dei patrimoni di esperienza e di
professionalità acquisiti. La realtà che ci viene prospettata è tutt’altro,. anche se vi sono collocazioni
temporanee in altre realtà del territorio, il nostro futuro non è affatto delineato, nonostante kilometri di
accordi e di buone intenzioni, sempre ed invariabilmente sottoscritte dai sindacati confederali e dai
sindacati corporativi e concertazionisti, e pure gialli.
Dopo aver scorporato – quindi diviso- noi lavoratori delle ex OAN di Tessera, ora ci si
propone un NPR senza che questo comporti alcuna garanzia di miglioramento delle condizioni di vita e
di lavoro, anzi, portando all’estremo la flessibilità, si cerca di spingere noi lavoratori ad una divisione
crescente, anche ben maggiore da quella causata dalle voci che girano per esempio a riguardo degli
operai dei magazzini.

E’ per questo che noi sin dalla lotta della Raffineria dell’autunno scorso abbiamo
lanciato la parola d’ordine dell’ALLINEAMENTO OPERAIO, per un fronte unico che unisca gli
operai delle varie fabbriche colpite e che obblighi la politica a delle scelte OPPOSTE E BEN
DIVERSE a quelle portate avanti da governo e padroni. Una pratica che portiamo avanti in varie realtà,
per prima Fincantieri, cercando di inceppare, sputtanare e portare a scelte diverse quella realtà orrenda
di camorria che regna nel sistema degli appalti. Torneremo sull’argomento, ovviamente siamo contro la
linea di quei sindacati che lavorano in questa fase per i padroni, come quelli che sostengono
Marchionne e la Fiat.

S.L.A.I. COBAS PER IL SINDACATO DI CLASSE –ex Officine Aeronavali – 20-7-2012

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in NEWS. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...