9 MARZO, UNO SCIOPERO PRIVO DI CREDIBILITA’ E DI PROSPETTIVE

9 MARZO, UNO SCIOPERO PRIVO DI CREDIBILITA’ E DI PROSPETTIVE

Lo sciopero della FIOM del 9 marzo deve venire valutato non solo sulla base degli obiettivi che dichiara di proporsi e di voler perseguire, ma anche sulla base dell’intera politica portata avanti, nel corso degli anni da questa componente sindacale. Questo comporta anche la necessità di valutare se la stessa FIOM sia effettivamente in grado di garantire credibilità, incisività e prospettiva alle parole d’ordine dello sciopero. Nel caso di una risposta negativa i metalmeccanici, gravati anche da una precisa responsabilità nei confronti di strati più vasti di lavoratori, si troverebbero di fatto a dover scegliere tra due possibilità, da un lato investire risorse collettive in una battaglia che continuerà ad essere condotta male e che risulterà sempre più perdente, oppure assumere consapevolmente il dato che la pesantezza della crisi e dell’offensiva capitalistica, padronale e governativa pone di fronte a delle alternative secche e radicali: o rimanere schiacciati dall’iniziativa del capitale dei suoi governi e delle sue istituzioni o lavorare alla costruzione dell’iniziativa e dell’organizzazione indipendente, sia sul piano sindacale che su quello politico, degli operai, dei lavoratori e dei movimenti di lotta.

Si tratta quindi in primo luogo di valutare obiettivamente la politica seguita dalla FIOM negli ultimi anni. Questo da un lato a fronte all’attacco della FIAT e del capitale, dei padroni e delle banche, dei governi e delle varie forze politiche di potere, il tutto supportato dai sindacati confederali, e dall’altro a fronte ai crescenti tentativi padronali e governativi di limitare, anche attraverso lo stesso attacco all’art.18, i margini di manovra e l’agibilità politica e sindacale di questa componente sindacale. Ed è qui che non si può non rilevare come la FIOM abbia sempre operato come una componente portante della CGIL. Evitando sempre di rompere l’unità interna e supportandone sostanzialmente ed in modo decisivo tutte le scelte ha sempre dimostrato di non essere disposta a sottrarsi alla linea ed ai condizionamenti di tale sindacato. E’ così che ha anche favorito le sconfitte che si sono susseguite nel corso degli anni sul piano degli interessi, dei diritti e delle condizioni di vita e di lavoro dei lavoratori. Il tutto sino alla situazione attuale in cui la stessa contrattazione nazionale e l’intero statuto dei lavoratori sono già di fatto derogabili dai padroni e dai sindacati confederali.

In secondo luogo si tratta di considerare se la stessa FIOM possa comunque oggi garantire credibilità, incisività e prospettiva per lo meno alla lotta per la difesa dello Statuto dei lavoratori e della contrattazione nazionale. Nella situazione attuale una lotta effettiva in rappresentanza anche solo di alcuni interessi di fondo della classe operaia non solo è incompatibile con l’internità alla CGIL, ma è anche impossibile da attuarsi senza una precisa disponibilità politica ad operare per la rottura della pace sociale e per la relativa apertura di una prospettiva di scontro frontale tra le classi sociali. Da questo punto di vista la FIOM è del tutto interna alla società civile ed al quadro politico e sociale dominante. Come tale è costretta dalla propria concezione, dalla propria linea e struttura organizzativa, dal tipo di quadri e di legami con i partiti di potere e con le istituzioni, dagli interessi e strati sociali a cui è principalmente legata, ad operare da un lato per suscitare iniziative dei lavoratori da usare come merce di scambio per tentare di salvaguardare e migliorare -anche nella stessa CGIL- i propri margini di contrattazione e spazi di potere, e dall’altro per passivizzare, dissipare e tradire, tutte le lotte dei lavoratori che possano minacciare, espandendosi e radicalizzandosi, di andare ad acquisire un significato politico e di diventare portatrici di una prospettiva di fuori-uscita proletaria e popolare dalla crisi capitalistica.

Se è dunque vero che ogni mobilitazione dei lavoratori, ed i particolare degli operai, è un occasione per lo sviluppo di elementi di coscienza di classe, è anche vero che lo sciopero del 9 marzo rischia nel complesso di diventare controproducente nel momento in cui cerca di presentarsi, per tutti i lavoratori e per l’intera opposizione politica e sociale, come una rilevante iniziativa e scadenza di lotta. Il 9 marzo è in realtà un operazione funzionale alla volontà di rilanciare un blocco politico e sociale che, conciliando da una parte con la CGIL e di fatto, tramite essa, con gli stessi sindacati confederali, il PD e persino con lo stesso governo Monti, dall’altro si proponga di far convergere FIOM, sinistra sindacale ed istituzionale (da SEL al PRC), settori portanti del sindacalismo di base (si pensi alla scelta incomprensibile ed errata dell’USB di aderire allo sciopero FIOM del 9 marzo) sino a certi settori della sinistra movimentista ed antagonista. Un blocco che operando per mettere al centro una fallimentare prospettiva di presenza di ricostruzione di una “nuova sinistra” mira anche a blindare sotto il profilo egemonico il “territorio politico-sociale” con l’obiettivo di inglobare, vampirizzare e passivizzare le dinamiche sociali, politiche e soggettive di classe.

Proprio lo sciopero del 9 marzo va quindi anche letto sotto questo duplice profilo, quello rappresentato dal tentativo di ricostruire una sinistra istituzionale, oggi allo sfascio, e quello di rivitalizzare questa stessa prospettiva, anche con il fine di garantirgli uno sbocco a livello parlamentare, con l’inserimento di forze nuove provenienti da settori dei movimenti (si pensi agli ‘indignados’, a quello dell’acqua, dei “beni comuni” e persino del NO TAV) e da settori del sindacalismo di base (dalla confederazione cobas sino alla oscillante USB).

Si tratta di un’operazione e di una prospettiva con cui i lavoratori e tutte le forze sindacali e politiche di classe devono rompere con grande chiarezza e decisione. Si tratta di ostacolare un tentativo che è volto a rinforzare un’egemonia nel movimento politico, sociale e sindacale di opposizione che, dal punto di vista dei lavoratori, è fallimentare o persino controproducente.

Tutto questo significa che oggi contro questa prospettiva bisogna porre al centro la costruzione di un polo sindacale e politico di classe capace di rappresentare in modo coerente, determinato e radicale, gli interessi e l’iniziativa di opposizione e di lotta degli operai, dei lavoratori e dei movimenti di lotta, sapendo che tutto questo è inscindibile dalla necessaria e vitale apertura di una nuova fase di irriducibile scontro di classe. Questa costruzione va oggi costruita attraendo e collegando tutte le migliori forze operaie, quelle sindacali e quelle politiche di classe, verificandone i passaggi di convergenza nella pratica di fronte ai lavoratori, praticando e promuovendo la democrazia proletaria e rompendo con ogni settarismo.

SLAI COBAS TRENTINO
cell. 3482448231

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...