Dal quotidiano il TRENTINO: Estorsione, arrestato sindacalista Cisl

Riportiamo l’articolo del Trentino del 25/11/2011 che testimonia come anche a livello locale sia diffusa la corruzione personale a livello dei singoli sindacalisti dei sindacati confederali.
Che questo avenga in modo diffuso e non accidentale ci viene più volte riportato dagli stessi lavoratori.
Però la sostanza della “corruzione” dei sindacati confederali va molto al di là di questi episodi. I sindacati confederali sono strutturalmente corrotti perchè sono finanziati dai governi e dallo Stato (si pensi ai CAF) e dal capitale finanziario (fondi pensione) oltre ad avere, attribuito loro per legge, un potere esorbitante suui posti di lavoro, che però fanno valere nei confronti dei lavoratori attraverso disinformazioni, ricatti, intimidazioni, politica di corruzione individuale,ecc. In cambio del potere e dei privilegi ricevuti i sindacati confederali dividono i lavoratori ed impongono loro accordi e contratti che contribuiscono a ridurli in uno stato di precarietà, incertezza, schiavitù alla mercè di governi e padroni e sotto l’incubo quotidiano della disoccupazione, del mobbing, degli infortuni e delle malattie professionali.
L’episodio del sindacalista Cisl di Trento attesta ancora una volta la necessità di rompere con questi sindacati e di ritornare alla lotta ed all’organizzazione sindacale di classe dei lavoratori.

Slai Cobas del TRENTINO AA

segue art. del TRENTINO
_______________________________________________________________________________________
Estorsione, arrestato sindacalista Cisl
TRENTO. Un sindacalista di Trento, Giovanni Bossini, è stato arrestato dai carabinieri con l’accusa di avere estorto denaro al responsabile della gestione del personale di una società cooperativa di trasporto per conto terzi, di origine calabrese. Il sindacalista, di 46 anni, secondo l’accusa, nel luglio scorso avrebbe avvicinato il capo del personale e, con la scusa di garantire la tutela dei lavoratori, gli avrebbe proposto di versare 400 euro al mese “per stare tranquillo, evitando vertenze del personale”.

La vittima della presunta estorsione ha preso tempo e non ha versato nulla. Così il sindacalista nei giorni scorsi sarebbe tornato alla carica proponendo una prima tranche di 500 euro e poi versamenti dilazionati per un totale di 2.000 euro. A questo punto il responsabile del personale è andato dai carabinieri a denunciare il fatto. A seguito delle indagini è scattato l’arresto per estorsione. Gli inquirenti non escludono che il sindacalista sia coinvolto in altri episodi di questo tipo.

“Se vuoi campare tranquillo mettiamoci d’accordo”. Cosi’ il sindacalista della Fit Cisl del Trentino, arrestato dai carabinieri con l’accusa di estorsione, avrebbe cercato di convincere il capo del personale della ditta di trasporti di Trento, originario di Reggio Calabria, di versargli 400 euro al mese, “per risolvere ogni eventuale vertenza futura con gli operai”. L’ammontare della somma sarebbe stata calcolata in base al numero degli addetti dell’azienda, circa 90.

Non vedendo arrivare i soldi richiesti – hanno reso noto i carabinieri –
il sindacalista avrebbe poi inviato alla vittima numerosi sms e poi, dopo aver ricevuto un anticipo di 500 euro, avrebbe sollecitato il resto della somma, 1.500 euro, con il pretesto di “tenere buone altre persone”.

Al momento comunque – precisano i carabinieri – nella vicenda non risultano coinvolti altri componenti del sindacato di categoria. Indagini però proseguono per accertare se il sindacalista abbia messo in atto altre estorsioni. Perquisito dopo l’arresto, l’uomo aveva addosso, oltre alla somma consegnatagli dal capo del personale, altri 700 euro. Secondo quanto accertato dagli inquirenti, il sindacalista aveva contattato l’estate scorsa lo stesso dirigente della ditta, che ha la sede a Gardolo, all’indomani dell’acquisizione di un grosso appalto.

IL TRENTINO 26/11/2011

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in NEWS. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...