Solidarietà dello Slai Cobas a Riccardo Antonini

Esprimiamo la nostra solidarietà a Riccardo e pubblichiamo quanto ci è pervenuto
Slai Cobas Trentino Alto Adige

—————-
Le ferrovie vogliono fare terra bruciata delle libertà civili

RIASSUMETE RICCARDO ANTONINI !

LICENZIATO PER RAPPRESAGLIA

DAGLI INDAGATI DI RFI

Il gravissimo atto intimidatorio nei confronti di Riccardo sta subendo l’esecrazione del mondo del lavoro, dell’associazionismo e dei molti organismi istituzionali. Dobbiamo continuare a costriure intorno a lui un muro doi sostegno e di solidarietà. La mobilitazione è indispensabile per far sapere agli idagati di RFI e del gruppo fs che noi non possiamo tollerare questa prepotenza: A loro diciamo: “Siete indagati, difendetevi nel processo e non con le lettere di licenziamento”.

Come ferrovieri siamo alla parte di Riccardo che generosamente ha messo a disposizione le sue conoscenze ed il suo impegno politico e civile a disposizione dei familiari delle vittime, dei concittadini e dei colleghi, nella ricerca di questa verità che sembra così difficile da ottenere. Nei prossimi giorni saranno organizzate delle iniziative per il ritiro del licenziamento.
—————–
SOLIDARIETÀ A RICCARDO ANTONINI LICENZIATO DALLE FERROVIE

L’Unione Sindacale di Base Lavoro Privato esprime piena solidarietà e sostegno a Riccardo Antonini, il ferroviere consulente di parte civile nell’incidente probatorio per l’inchiesta sulla strage di Viareggio, licenziato dalle Ferrovie. Con la scarna motivazione della compromissione del rapporto fiduciario, il Gruppo Ferrovie compie un ennesimo atto di intimidazione ai danni di un lavoratore incolpevole, reo in questo caso di aver anteposto alle finalità private societarie l’etica trasparente di chi mette le proprie competenze a disposizione dei parenti delle vittime di una terribile strage.

Questa ultima presa di posizione di Ferrovie pone ancora una volta sotto una luce bieca l’applicazione del codice disciplinare nel settore ferroviario, dove da molto tempo il clima è sempre più irrespirabile e la politica di rimozione di tutti i lavoratori che non accettano imposizioni gratuite sta diventando una costante odiosa e sempre più odiata.

USB Lavoro Privato sottolinea la slealtà di un’azienda che impedisce qualsiasi tipo di confronto con i lavoratori e con l’utenza, i cui vertici aziendali appaiono sempre più annidati in un’amministrazione oligarchica, e respinge una linea basata sul profitto che nulla ha in comune con i diritti dei lavoratori e dei passeggeri.

Roma, 8 novembre 2011

————–

OrsaCOMUNICATO STAMPA O.r.S.A.
8 novembre 2011
Nella giornata di ieri R.F.I. S.p.A. ha licenziato il collega RICCARDO ANTONINI Tecnico della manutenzione delle infrastrutture dell’impianto di Viareggio.
Il collega Antonini è consulente nelle indagini giudiziarie relative all’incidente ferroviario di Viareggio avvenuto il 29 giugno 2009, nominato da alcuni famigliari delle vittime e dalla FILT-CGIL sezione di Lucca e, per tale motivo, ha già subito una sanzione disciplinare da parte di R.F.I. S.p.A.
R.F.I. S.p.A. in una nota precisa che il provvedimento è motivato: “in particolare per le gravi ingiurie e i pesanti insulti rivolti direttamente all’Amministratore Delegato Mauro Moretti, nel corso di un dibattito pubblico nell’ambito di una manifestazione organizzata dal PD e tenutasi a Genova il giorno 9 settembre”.
Il collega ANTONINI in un articolo del quotidiano “IL TIRRENO” pubblicato stamattina, nega le accuse di R.F.I. S.p.A.
Purtroppo il disastro di Viareggio continua a segnare un passaggio buio dell’immagine di Ferrovie dello Stato e il licenziamento del collega Antonini, a cui si ascrive il pregio di impegnarsi nella ricerca della verità in una tragedia che conta 32 morti e un numero imprecisato di feriti, la dice lunga sul metodo con cui F.S. intende gestire una vicenda così drammatica.
E’ assurdo che dinanzi ad un evento di tale portata, che sollecita direttamente gli equilibri basilari del Gruppo F.S., venga licenziato un lavoratore con motivazioni tutt’altro che di rilievo per gli interessi aziendali.
La drammaticità dell’incidente di Viareggio impone di valutare esclusivamente responsabilità connesse allo svolgimento dei fatti, prescindendo da comportamenti affatto inerenti a quest’ultimi.
Il Sindacato Or.S.A. Ferrovie esprime solidarietà al lavoratore ed al Sindacato FILT-CGIL e chiede l’immediato reintegro del collega RICCARDO ANTONINI.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in NEWS. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...