Fiat: rottura azienda e Slai Cobas, abbandonato il tavolo

Fiat: rottura azienda e Slai Cobas, abbandonato il tavolo
di: Redazione
NAPOLI – Il responsabile nazionale delle relazioni industriali della Fiat, Giorgio Giva, ha strappato una lettera di richieste di chiarimenti per le assunzioni nella newco di Pomigliano d’Arco, consegnatagli dalla rsu Slai Cobas, Luigi Aprea, nel corso dell’incontro a porte chiuse tra i vertici del Lingotto ed i sindacati, compresa la Fiom. E’ quanto denuncia lo stesso Aprea che ha abbandonato la riunione in corso all’Unione industriali di Napoli, preannunciando, poco prima di lasciare la sala, una denuncia giudiziaria “per la repressione di comportamento antisindacale”. “Giva ha perso le staffe – sottolineano dallo Slai Cobas – ed ha strappato, durante la riunione, la puntigliosa, dettagliata ed incontestabile richiesta di informativa presentata da Aprea, rsu del nostro sindacato, invitato ufficialmente dalla Fiat all’incontro di oggi. Questo – concludono dal sindacato – dimostra che la Fiat è impossibilitata a rispondere su un piano industriale che non c’é”. Nella lettera consegnata a Giva, Aprea chiedeva un’informativa in merito, tra l’altro, alle modalità di passaggio dei lavoratori alla newco, l’entità dell’organico previsto per Fabbrica Italia Pomigliano, e le prospettive per i lavoratori del reparto di Nola, “in quanto – ha sottolineato la rsu – appare contraddittoria la criptica comunicazione aziendale contemplante la ‘riduzione dell’impatto della cig’ esclusivamente sul personale impiegato a Pomigliano”. “E’ chiaro che siamo dinanzi ad una violazione della legge. Lo abbiamo ribadito al tavolo di oggi spiegando che siamo dinanzi ad una evidente cessione di ramo d’azienda. Non altro”. Lo ha detto il segretario regionale della Fiom Cgil, Andrea Amendola, uscendo dalla sede dell’Unione industriali di Napoli, “quello che sta avvenendo a Pomigliano è quanto previsto dall’articolo 2212 del codice civile – prosegue Amendola – e noi come Fiom Cgil presenteremo un ricorso giudiziario affinché venga accertato”. Per il leader campano della Fiom “non potrebbe essere diversamente perché la produzione avverrà nello stesso stabilimento, con gli stessi operai e si produrranno sempre delle auto, la Panda anziché l’Alfa”. La Fiom della Campania insomma valuterà nelle prossime ore presso quale tribunale civile verrà depositato il ricorso per l’accertamento di quanto sostenuto. “Oggi abbiamo ribadito quello che stiamo dicendo da tempo – conclude Amendola – e noi siamo disposti ad andare fino in fondo”.

Questa è la lettera che e il delegato Aprea luigi rsu dello slai cobas aveva presentato alla fiat
Sindacato dei Lavoratori Autorganizzati Intercategoriale
S.L.A.I. cobas

Sede Legale Sede Nazionale
Via Masseria Crispo n°4 -80038 viale Liguria,49
Pomigliano d’Arco – Na 20143 Milano
tel & fax 081/8037023 tel & fax 02/8392117

Spett. Fiat Group spa
Direzione Aziendale
Pomigliano d’Arco
Fax: 081/19693335

In relazione all’incontro odierno presso Unione Industriali di Napoli, il sottoscritto Luigi Aprea, componente RSU di Slai cobas,

PREMESSO CHE:
L’azienda ha violato gli obblighi previsti dalle vigenti normative col ripetuto rifiuto di fornire alle O. S. ogni idonea, riscontrabile e congrua informativa sul presunto piano-industriale. Tale censurabile comportamento sta già pregiudicando, pubblicamente, la credibilità aziendale e dando corpo ed ipotesi di mera propaganda mediatica messa in atto dalla Fiat per conseguire prevalenti interessi finanziari e borsistici a discapito di quelli industriali e sociali.

ECCEPISCE:
che nella comunicazione del 4 febbraio 2011 ed oggetto del presente incontro la Fiat ha omesso di indicare l’entità degli organici previsti per Fabbrica Italia Pomigliano, cioè il numero di operai, impiegati e quadri ritenuto necessario in funzione della pretesa programmazione produttiva ed “assorbiti” da Fiat group G. Vico (unità di Pomigliano e Nola) e Plastic Components & Modules Automotive spa (unità di Napoli, Pomigliano d’Arco, Caivano e Marcianise).

la violazione aziendale delle normative contrattuali e legali disciplinanti i “trasferimenti d’azienda” e, tra gli altri, l’art. 2112 cc; la violazione dell’obbligo di buona fede e correttezza incombente su parte datoriale nelle relazioni sindacali ed i conseguenti, correlati e reiterati comportamenti antisindacali messi in atto, nonché la inaccettabile, gravissima ed illegittima pretesa aziendale di disporre “contrattualmente” dei diritti fondamentali dei lavoratori e delle organizzazioni sindacali, diritti tra l’altro inderogabili è già tutelati da fonti superiori quali quelle di legge, costituzionali nonché derivanti dal vigente CCNL.

RICHIEDE IDONEA E COMPLETA INFORMATIVA IN ORDINE A:
modalità di passaggio dei lavoratori da Fiat Group a Fabbrica Italia. Nonché cosa la Fiat prevede di far sottoscrivere ai lavoratori in occasione del passaggio a Fabbrica Italia Pomigliano: la sola lettera di assunzione e/o le dimissioni da Fiat Group Automobiles e/o un verbale di conciliazione?

Progressiva assunzione alle dipendenze di Fabbrica Italia Pomigliano: è prevista per l’intero organico di operai, impiegati e quadri attualmente dipendenti da Fiat Gruop Automobiles e addetti sia a Pomigliano che Nola? In quanto tempo ed entro quale data e con quali organici si concluderà il trasferimento per l’entrata a regime di Fabbrica Italia? Ciò anche perché, a fronte del prospettato ampliamento del reparto di Nola (accordo sindacale del 15/6/2010) appare contraddittoria la criptica comunicazione aziendale contemplante la “riduzione dell’impatto della cig” esclusivamente sul personale impiegato a Pomigliano.

Tempi e i modi di reale previsione e progressione produttiva, lancio e commercializzazione del modello “Nuova Panda” e inerenti e collegati programmi occupazionali.

Presunte ragioni tecniche che impedirebbero l’adozione di corretti meccanismi di rotazione, ciò anche considerato l’espletamento di stesse mansioni e di “fungibilità tra le stesse”, interessanti tutti gli addetti al montaggio.

Modalità e tempistiche del formale subentro di Fabbrica Italia a Fiat G. Vico. Ciò anche considerato il prospettato prossimo periodo di due anni di cigs straordinaria contemplato per lo stabilimento G. Vico di Pomigliano (dall’accordo del 15 giugno 2010) e “necessario al radicale intervento di ristrutturazione previsto per predisporre gli impianti alla produzione della Nuova Panda”. Considerato che gli impianti G. Vico sarebbero rilevati (?) da Fabbrica Italia Pomigliano dal prossimo 7 marzo (“data di inizio delle assunzioni”), come potrebbe la cigs contestualmente interessare lo stabilimento G. Vico, anche tenendo inoltre conto che questo stabilimento è già interessato da cigs in deroga fino a luglio 2011? Viceversa: come potrebbe assumere Fabbrica Italia in coesistenza di cigs su G. Vico e riferita agli stessi impianti?! Oppure le parti hanno sbagliato la definizione dei punti dell’accordo? Oppure la ‘complessa ristrutturazione’ per 700 milioni di euro è stata attuata, “incredibile dictu”, in pochissimi mesi? Si tratta di un’altra errata previsione? Ce ne sono altre di “errate previsioni”?!

Lo scrivente Luigi Aprea, tanto premesso, eccepito e richiesto, nel ricordarVi che la rappresentata O.S. ha già in questi mesi formalizzato alla Direzione Aziendale ripetute comunicazioni di analogo contenuto, comunicazioni tutte rimaste ad oggi senza alcun riscontro – di cui l’ultima, in ordine cronologico, trasmessaVi e pervenutaVi in data 10/11/2010,

INTIMA
l’immediata cessazione di ogni qui denunciato e reiterato comportamento aziendale, gravemente lesivo delle normative contrattuali, legali e costituzionali nonché dei diritti sindacali e di quelli dei lavoratori, preannunciando, in mancanza, l’attivazione di ogni idonea iniziativa giudiziale a tutela dei diritti sindacali e di quelli individuali e collettivi dei lavoratori stessi.
Distinti saluti
Pomigliano d’Arco, 17/2/2011
Luigi Aprea per componente RSU di Slai cobas

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...